Pubblicato il

La fresatrice, un utensile tuttofare

La fresatrice verticale tuttofare

La fresatrice verticale, un utensile tuttofare per il legno

La fresatrice avete viste esposte nei bricocenter e vi siete chiesti a cosa servono queste macchine dal corpo cilindrico con due impugnature ai lati ed un qualcosa che sembra un mandrino, ebbene, la fresatrice verticale è l’utensile più versatile per la lavorazione del legno. Che cosa fa? Tutto a parte il caffè, anche se ci si potrebbe montare la schiuma del cappuccino. Scherzi a parte, una fresatrice può creare scanalature di diverso profilo, rifinire bordi, creare incastri, forare con precisione, effettuare tagli dritti o sagomati, creare modanature e tanti altri impieghi in ragione delle tante frese che può montare e della possibilità di impiegarla a mano libera, con delle guide (o jig come dicono gli anglosassoni..) o montata sotto un apposito banco fresa.

Come funziona una fresatrice verticale?

La fresatrice verticale è costituita da un corpo motore di forma pressoché cilindrica e da una base piatta collegata al corpo motore mediante due colonne in acciaio sulle quali il corpo motore scorre in senso verticale alzandosi ed abbassandosi, le due colonne contengono due potenti molle che tengono il corpo della fresatrice in posizione rialzata, in fase di lavorazione viene spinta verso il basso tramite due impugnature che si trovano sui lati del corpo macchina. Direttamente calettato sull’albero motore vi è il mandrino che ospita la pinza porta utensile ovvero la fresa che è quella che viene a contatto con il legno, il funzionamento è simile a quello di un trapano ma la fresa agisce sul lato e non sulla punta anche se con alcuni tipi di fresa che presentano i taglienti anche sulla testa è possibile eseguire dei precisissimi fori. Il motore della fresatrice gira a regimi di rotazione elevatissimi fino a 30000 giri/min., questo consente di lasciare le superfici lavorate perfettamente lisce e senza strappi o irregolarità di sorta. Il tipo di fresatrice verticale in uso in Europa è detta “a tuffo” proprio perché viene abbassata manualmente sul pezzo al contrario di quelle utilizzate in USA che sono dette “a base fissa” in quanto l’altezza di lavorazione viene impostata in maniera fissa prima di cominciare. Il motore della fresatrice è in genere di potenza elevata, da un minimo di 800W fino ai 2500W per le macchine professionali.

Fresatrice a tuffo e fresatrice a base fissa
Fresatrice a tuffo e fresatrice a base fissa

L’importanza delle buone frese.

Come tutti gli utensili che montano un tagliente, ricordate che è questo a fare il lavoro e che anche la miglior fresatrice senza frese di qualità ben affilate darà risultati deludenti e potrà anche essere pericolosa. Le frese, a seconda del tipo di lavoro a cui sono destinate ed alla fresatrice su cui vengono montate esistono in tre misure di gambo: 6 mm per lavori leggeri e per le fresatrici più piccole da usare a mano libera, 8 mm per lavorazioni e macchine intermedie da usare sia a mano libera che sotto il banco e 12 mm per gli impieghi più gravosi su fresatrici di potenza elevata e prevalentemente sotto il banco. Le frese hanno una grande varietà di profili, dalla semplice fresa dritta fino a quelle in grado di creare le modanature più elaborate.

Assortimento di frese per fresatrice verticale
Assortimento di frese per fresatrice verticale

Visto che per descrivere in dettaglio a cosa serve e come si usa una fresatrice servirebbe un libro e non un solo post, potere guardare questi due ottimi video in inglese che sono decisamente esplicativi e descrittivi di fresatrici, frese e tecniche.

Come usare una fresatrice – Prima parte

Come usare una fresatrice – Seconda parte

Potete sempre cominciare con una piccola fresatrice se le vostre esigenze sono limitate alla sagomatura di bordi o alla realizzazione di scanalature per mensole per poi passare a lavorazioni più impegnative come la realizzazione di incastri. Dopo che avrete preso in mano la vostra prima fresatrice vi chiederete come avete fatto a vivere senza fino ad ora, questo è quanto ho pensato io non appena l’ho portata a casa ed era una modestissima Practyl da 1000W. Ricordate che la fresa gira in senso orario e quindi dovete lavorare appoggiando sul legno la sua parte sinistra e procedere sempre in senso antiorario come è chiaramente illustrato nei video, ricordate anche che le frese tagliano e che quindi bisogna sempre lavorare con attenzione ed in condizioni di sicurezza.

Quale fresatrice scegliere?

Come già accennato potete partire da una fresatrice leggera ed economica come la Einhell TH-RO 1100 E e se poi ci prendete gusto passare ad una macchina più impegnativa del genere della Black & Decker KW1600EKA molto più potente e che porta anche frese da 12 mm. Riguardo alle frese, per iniziare compratene un set economico come questo Set 12 frese Einhell per sbizzarrirvi a provarle ma poi vedrete che di un set di 12 frese finirete con usarne spesso al massimo quattro o cinque ed allora compratele di qualità come le CMT di cui potete trovare qui una scelta, vedrete che i risultati saranno molto migliori e che queste frese dureranno nel tempo e potranno anche essere affilate di nuovo.

E adesso che avete una fresatrice e delle buone frese lavorateci.

Ora che vi si è aperto un mondo nuovo e che fremete dal sentire fischiare la vostra nuova fresatrice potete mettere mano a tutti qui progetti che prima non avreste saputo come realizzare. Su Internet è facile trovare tanti piani di costruzione gratuiti o ad un costo modesto ed ora potete divertirvi e mettere a frutto le vostre capacità di costruttori, quindi buon lavoro a voi sempre senza dimenticarvi della sicurezza.

WooNinja

14 pensieri su “La fresatrice, un utensile tuttofare

  1. Grazie a Voi tutti che vi prodigate con molta generosità ad insegnare e trasmettere a noi neofiti le vostre esperienze.Ho una fresatrice CMT e vorrei scavare delle scifette per la polenta potreste consigliami un attrezzo che possa controllare la corsa in largo e lungo? Ho un pantografo con cui ci
    scrivo e disegno ricalcando su dei fogli A4 lettere e disegni stessi riproducendoli in misura molto piccoli ( una lettera di circa 15/18 centimetri viene alta 6 cm) Grazie e un cordiale saluto Roberto Coiante

    1. Ciao.. La cosa migliore è fare una dima delle dimensioni dello scavo, poi utilizzare una fresa a 45° per il bordo ed una fresa cilindrica per tutto lo scavo.. Puoi vedere un esempio di lavorazione simile qui:
      https://www.youtube.com/watch?v=K9D_AzR1Hcs

  2. Gran bella spiegazione, molto esauriente 🙂
    Domanda: una fresatrice può essere una buona scelta per realizzare un corpo di una chitarra elettrica?
    Ho una mezza idea di farmene una, ma sono del tutto analfabeta nel campo della falegnameria come di quello della liuteria..

    1. Ciao.. Sicuramente la fresatrice è l’attrezzo adatto per realizzare alcuni scassi sul corpo di una chitarra elettrica, ma non è il solo che serva.. Ti consiglio di cercare su YouTube dei video sull’argomento, ne troverai moltissimi che illustrano la costruzione..

  3. Ciao,
    complimenti per l’articolo! Molto interessante.
    Per un neofita, cosa ne pensi delle fresatrici Ferm?
    Ho trovato questa FERM PRM1015 Fresatrice, 1300 W che si può abbinare al suo banco FERM PRA1011
    Secondo te può essere una buona scelta?

    1. Ciao.. La fresatrice FERM PRM 1015 è una buona macchina per iniziare, non altrettanto il banco FERM PRA 1011 che non ha buone recensioni.. Il banco fresa è abbastanza facile da costruire, puoi trovare molti tutorial su YouTube..

  4. Sto cercando una fresatrice a pantografo credo che sia questa che mi serve. Vorrei realizzare da una medaglia, un bassorilievo in legno o gesso o viceversa da un bassorilevo 20 x 30 ca una medaglia e solo per diletto percio un piccolo investimento.
    Grazie a chi mi rispondera con un suggerimento.
    Franz

    1. Ciao Franz. Da come descrivi l’esigenza ti servire qualcosa di leggero e molto maneggevole. Questo in alternativa ad una CNC che sarebbe l’ideale per questo tipo di lavori. Un rifilatore leggero come il Silverstorm potrebbe essere adatto in quanto è corredato di basi diverse ed è possibile utilizzarlo anche per “disegnare”. Unica avvertenza è che monta frese in pollici, peraltro presenti nel catalogo CMT..

  5. Salve , da un po di tempo mi sono perso nel mondo delle fresatrici, alla ricerca del miglior compromesso. L’ultimo dei tanti dubbi è: quanto è importante il regolatore di giri? Se ne prendo una a 27000 giri senza regolatore avrò problemi per alcuni lavori?
    Grazie

    1. Ciao.. La regolazione del numero dei giri è importante solo se si vogliono utilizzare frese di grande diametro che richiedono velocità più basse.. Anche le fresatrici più economiche hanno la regolazione dei giri, in ogni caso consigliamo la Maktec MT362 da 1650W che monta anche frese da 12mm.

  6. Molto interessanre.
    Se devo ridurre lo spessore di un listello in massello di sezione 30×40 mm e lungo 1000 mm per realizzare sagomando il listello la barra di un timone posso usare la fresatrice verticale?

    1. Bisogna realizzare un apposito jig per poter utilizzare la fresatrice come pialla, puoi vederne alcuni qui: https://www.youtube.com/results?search_query=router+planer+jig

  7. Ottimo articolo! Io vorrei acquistarne una ma non so come orientarmi. Non ho mai avuto una fresatrice, quindi vorrei acquistare un modello per far pratica. Stavo pensando a questo modello http://fresatrici.info/fresatrice-bosch-pof-1200-ae/ che non costa neanche tanto. Voi cosa mi consigliate? Secondo voi questo va bene, o meglio spendere qualcosina in più?

    1. Salve.. Consiglierei la FERM PMR1015 che ha 1300W e la possibilità di essere montata su un banchetto dedicato e che viene dotazione..:)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *